Carlo Piola Caselli
La corazzata AvÚrof varata a Livorno


Pagina 54 di 72       

%


     pi¨ 5 unitÓ di rifornimento (Esperia, Arkadia, Machedonia, Mirali e Athina);
     il posamine Canaris.
     Possiamo aggiungere l'idrovolante (tipo Farman) Naftilos, con cui i valorosi Moraitini e Mut¨sis avrebbero bombardato le unitÓ turche verso NagarÓ.
     La consistenza della flotta corazzata turca Ŕ di 4 unitÓ (Cha´redin Barbarossa, Turgut Reis, MesudiŔ, AsÓp-i-Tefix), che sorpassano in potenza le tre primiere greche, in cannoni, corazze e meccanica. Della restante flotta (22 navi di varie tipologie), si distinguono gli incrociatori ChanidiÚ e MetsitiÚ, con buon armamento e sufficiente velocitÓ (22 miglia), costituenti il maggior cruccio per la flotta greca avversaria, per tutto il periodo della guerra. Inoltre i turchi possono contare su 20 bocche da fuoco costiere, di diametro superiore ai 200 mm.
     Il confronto tra le due flotte Ŕ tuttavia a favore della Grecia, tanto in numero di unitÓ navali che in numero di cannoni: maggior vantaggio dovuto alla AvÚrof che, con una buona dose di fantasia e coraggio, verrÓ pilotata con magnifico risultato. (131)

     
L'Ammiraglio Cunduriotis

     L'Ammiraglio Paolo Cunduriotis (nato nell'isola di Ydra nel 1855 e morto ad Atene nel 1938), proveniente da una famiglia di patrioti, ministro della marina (1915-1916 e 1917-1919), Ŕ stato uno dei principali collaboratori di Venizelos, costituendo con questi e con il generale Dhanklis, a Salonicco nel 1916 il governo provvisorio di difesa nazionale; nominato reggente alla morte di Alessandro (1920), rimetterÓ il potere nelle mani di Olga; nuovamente reggente dopo l'allontanamento di Giorgio II (dicembre 1923), il 13 aprile 1924 sarÓ eletto presidente provvisorio della democrazia greca; dimissionario nel marzo 1926, poco dopo l'instaurazione da parte del generale Pankalos di un regime dittatoriale, sarÓ tosto reintegrato nelle sue funzioni nell'agosto dello stesso anno, sino al 1929, per ritirarsi poi a vita privata per motivi di salute. (132)

* * *

(131) Ibid., p 26; Pantelis KARIKAS (Παντελής ΚΑΡΙΚΑΣ), Guerre Balcaniche (Βαλκανικοί Πόλεμοι )1912-1913, pp. 41-43.

(132) Costantina ADAMOPULU-PAVLU (Κωσταντίνα ΑΔΑΜΟΠΟΥΛΟΥ- PAYLOY), Istorico Archio Mussìo Ydras, Ydra, 1999 (Ιστορικό Αρχείο Μουσείο Υδρας), alle pp. 33 e 35 fotografie in uniforme dell'ammiraglio, in altre riferimenti storici anche a personaggi della sua famiglia, per i quali cfr. anche F. LADIS, D. PSOMACHI, M. KUNTUROGHIANNI, Prosopikà imerològhia melòn ton pliromàton ton thoriktòn “Avérof” ke “Ydra”, Atene, 1993 (Φ. ΛΑΔΗΣ, Δ. ΨΩΜΑΧΗ, Μ. ΚΟΥΝΤΟΥΡΟΓΙΑΝΝΗ, Προσωπικά ημερολόγια μελών των πληρωμάτων των θωρηκτών Αβέρωφ και Ύδρα, Αθήνα, 1993)